Passo da prima della classe per L’Atletico Messina che supera il Duilia 81


Se il Duilia 81  pensava di poter mettere da parte qualche punto salvezza contro l’Atletico, ci ha pensato il campo a smentire le speranze dei mamertini. La squadra messinese, anche nella gara giocata al Santa Marina di Milazzo, continua nell’inseguimento dell’attuale “irraggiungibile” capolista Valdinisi che sabato aveva battuto di misura il Monforte S.Giorgio. Così, restano otto i punti di distacco tra la compagine del presidente Barbera ed il Valdinisi che, comunque, ha giocato una partita in meno dell’Atletico.

Poteva sembrare un incontro facile quello contro il Duilia, ma le premesse facevano cadere questa certezza ed, infatti, era la squadra in maglia rossa a rendersi pericolosa ad inizio gara. Al 3′ Bertè servito in area, salta Insana, ma il suo tiro è debole e La Fauci blocca la sfera.La replica dell’Atletico Messina vede De Tommasi servire Pagliaro  ma il suo tentativo sembra la fotocopia di quello precedente di Bertè. Al 21′ il Duilia fa harakiri, punizione dalla propria trequarti battuta in modo frettolosa, la palla sbatte prima sulla testa di Nicocia e viene, poi, colpita, sempre di testa, da un difensore che innesca la fuga di Sowe verso il gol del vantaggio dell’Atletico Messina. Il tempo di tentare una reazione ed il Duilia 81 resta in dieci per l’espulsione di Napoli che tentava di fermare un contropiede di Sowe. Al 29′ ancora Sowe ha la palla per il raddoppio ma sbaglia il tocco a porta sguarnita e manda a lato. Gol mancato, gol subito ed al 33′ arriva il pareggio di Dama direttamente da una punizione latelare. Al 36′ è l’Atletico a battere una punizione con Bonanno, palla in area con un tocco di testa che favorisce la girata di Pagliaro per il raddoppio dei biancoazzurri. Non succede altro sino al duplice fischio del direttore di gara.

Nella ripresa ripartono i messinesi con una doppia occasione, è l’8′ quando Bonanno batte la punizione che colpisce il palo, la palla arriva fuori area verso Lo Nostro che gira a rete sfiorando il palo opposto. Al 9′ Duilia vicina al pareggio con Danilo Torre che alza di poco il pallonetto che supera La Fauci ma anche la traversa. Al 14′ ancora una punizione di Bonanno, la posizione laterale è vicina a quella del gol siglato dai locali, ed è anche il gol del 3 ad 1. Al 18′ mamertini in 9 per l’espulsione, per proteste, di Dama. Nell’Atletico Messina, al 22′ Libro sostituisce Pagliaro ed al 30′ Zagone prende il posto di Cenci. 36′ Duilia 81  in 8 per l’espulsione di Spoto. Tra l’37’ e 38′ altre due sostituzioni per i biancazzurri, fuori Bonanno e Sowe, dentro Galletta e Cavò. Ed è proprio l’ultimo entrato a siglare  il quarto gol al 42′ per l’Atletico Messina. Angolo di Nicocia e Cavò insacca di testa.

DUILIA 81-ATLETICO MESSINA 1-4

Marcatori: 21′ pt Sowe (AM), 33′ pt Dama (D), 36′ pt Pagliaro (AM), 14′ st Bonanno (AM), 42′ st Cavò.

Duilia 81: Nania, Currò, Irrera, D.Torre, Napoli, Sitasolo, Iarrera, Gitto, Torre F., Dama, Bertè.

Atletico Messina: La Fauci, Lo Nostro, Insana, Sowe (38′ st Cavò), Cucinotta, Bonsignore, Nicocia, De Tommasi, Pagliaro (22′ st Libro), Bonanno (37′ st Galletta), Cenci (30′ st Zagone). All.Naccari

Arbitro: G.Russo di Acireale