F-24 Messina e Milan Academy, il modo giusto di fare calcio


È ufficialmente iniziata ieri la nuova avventura targata Football 24 Messina di Carmine Coppola e Milan Academy.

Con una conferenza stampa che si è tenuta alle ore 11.30 nella sala stampa Lo Re in Via Acireale Zir in Messina, alla presenza di uno dei massimi dirigenti dell’area scouting nazionale della società AC Milan, Angelo Aiello e del responsabile Sicilia Ignazio Costa, è stato presentato questo importante progetto. Diversi i giornalisti e le famiglie con figli al seguito, presenti in sala, tutti intenti a saperne di più di questa scuola calcio affiliata con uno dei club più importanti al mondo.

Su questa nuova partnership, queste le parole del dirigente Aiello: “È un progetto importante, diverse scuole calcio di Messina come nel resto d’Italia volevano e vogliono una partnership con il Milan, noi selezioniamo accuratamente le scuole calcio con le quali affiliarci, ed oggi abbiamo scelto l’F-24, colpiti dalle strutture e dalla conoscenza di calcio di Carmine Coppola, che io conosco da anni. È un progetto serio, noi non vendiamo fumo, non promettiamo nulla, i ragazzi si devono divertire, poi alcuni, i più portati, proseguiranno con noi, magari divenendo in futuro dei calciatori, gli altri faranno altre professioni. Far parte del mondo Milan deve formare questi ragazzi, anche se non tutti diventeranno dei calciatori professionisti.”

Aggiungendo: “Questa proprietà guarda molto ai giovani. Io, come anche il responsabile del settore giovanile rossonero Angelo Carbone, o come il capo scout Geoffrey Moncada, lo stesso Ignazio Costa e tanti altri addetti ai lavori del mondo rossonero, siamo sempre vigili e attenti nel visionare talenti. I nostri allenatori vengono, con cadenza periodica, ogni 40 giorni, nelle varie strutture, portando metodologie e mentalità in stile AC Milan.”

Visibilmente emozionato e soddisfatto, così ha invece parlato Coppola, di questa nuova e importante iniziativa: “Dico solo che il Milan è il Milan, una delle società più importanti al mondo. Questa è una bella opportunità per tutti, dovremo farci trovare pronti. Infatti già per quel che riguarda la struttura cambieremo alcune cose, come i colori, dicono che il viola non sia tanto indicato, riempiremo dunque ogni spazio con i colori rossoneri e con il logo del club. La nostra scuola calcio ha sempre lavorato bene e con attenzione, dalla quale sono usciti ad oggi ben 16 talenti, uno tra tutti Russo, che ora è passato dal Genoa al Sassuolo, a soli 18 anni, quindi i dati parlano per noi, essere affiliati a questo club ora è un passo in avanti. Dovremo essere ancora più seri e attenti, allinearci allo stile Milan, ai loro dettami.”

Aggiungendo poi sui ragazzi: “I ragazzi si devono divertire, non solo con la partitella come può pensare qualche genitore, ma con tutto quello che si fa anche in allenamento. Senza avere il pensiero di diventare un professionista, ma solo con la voglia e la spensieratezza di un bambino. Noi d’altronde non vendiamo fumo, a me piace la carne, dunque non creo false illusioni per i ragazzi, promettendo cose impossibili che potrebbero segnarli per tutta la vita. Chi ha talento con il pallone andrà avanti, chi no, farà altro, senza problemi, ci sono molti altri bei mestieri.”