San Tommaso – Fc Messina 0-3 | Terzo colpo consecutivo, con mister Gabriele 3×3 (intervista)


Non c’è due senza tre: lo sperava il FC Messina, che dopo i successi con Troina e Marsala era chiamato all’esame San Tommaso per proseguire la striscia positiva di una seconda metà di Novembre da incorniciare.
Sul sintetico di Montemiletto Ernesto Gabriele deve fare i conti con l’assenza di Correnti, sostituito nello scacchiere iniziale da Camara alla prima gara da titolare. Nessun cambio nel resto dell’undici titolare.
Le leggerezze difensive dei campani mettono in discesa il match, con la rete del solito noto Paolo Carbonaro.
L’espulsione diretta di Matteo Fissore a metà del primo tempo rischia di complicare maledettamente i piani dei peloritani, che nelle difficoltà sfoderano un carattere da grande squadra.
Nonostante la superiorità numerica il San Tommaso non impensierisce mai Aiello, ancora imbattuto ed al quarto clean sheet stagionale e nella seconda parte di gara Casella (il migliore in campo di oggi) e compagni chiudono i conti, con le reti di Bevis e Pini.
Il gol del giovane livornese vale il primo timbro di un “under” nella stagione dei messinesi.
Promossa in toto la compagine del Presidente Arena, che tornerà tra sette giorni al “Franco Scoglio” per sfidare il Marina di Ragusa.

Cronaca
Primo tempo
Partita frizzante fin dalle prime battute. Al 13′ il Football Club Messina passa in vantaggio: errore difensivo del San Tommaso, Carbonaro si invola verso la porta e batte Pezzella con il piattone. Al 18′ i locali trovano il pareggio con Alleruzzo ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Svolta della gara al 23′ con l’espulsione diretta sventolata a Fissore per una presunta gomitata. Al 38′ intervento miracoloso di Casella che ferma Tedesco pronto a calciare in porta da pochi passi.

Secondo tempo
Riparte bene il Football Club Messina e sfiora il raddoppio al 48′ con Bevis lanciato a rete da Carbonaro. Poco dopo Pezzella non trattiene il pallone su cross di Casella ma Carbonaro non riesce a ribadire in rete. Al 56′ arriva il goal meritato per i giallorossi:Casella recupera palla e calcia in porta, si oppone Pezzella che salva anche su Carbonaro ma non può niente sul terzo tentativo di Bevis. Il Football Club Messina controlla la gara ed al 94′ cala il tris con Pini che approfitta di un errore difensivo del San Tommaso.

San Tommaso-Fc Messina 0-3 

IL TABELLINO:

SAN TOMMASO:  Pezzella, Tizio (71′ Samake), Varricchio, Massaro, Colarusso, Cucciniello, Alleruzzo, Camara (82′ Pini), Branicki, Tedesco, Maranzino (55′ Sabatino). A disp.: Dose, Lambiase, Falivene, Acampora, Moffa, Incatasciato, Cuomo. All. Liquidato.

FC MESSINA (4-3-2-1): Aiello 99; Casella 00, Fissore, D. Marchetti, Brunetti 00; Camara 01, Giuffrida, A. Marchetti; Bevis, Coria (46′ Quitadamo); Carbonaro (78′ Dambros). A disp.: Bonasera 02, Raffa 01, Puleo 02, Pini 01, Miele 00, Santapaola 03, Chiappino 00. All. Gabriele.

ARBITRO: Iacobellis di Pisa.

MARCATORI:  16′ Carbonaro, 57′ Bevis, 94′ Pini

NOTE: Espulso al 24′ Fissore per gioco pericoloso.

 

Altro successo, quindi, del Football Club Messina, che torna da Avellino con tre punti in tasca importantissimi. Al termine del match emerge tanta soddisfazione dalle parole di mister Gabriele: “Ero convinto che ce l’avremmo fatta. I ragazzi hanno dimostrato ancora una volta di essere dei guerrieri in campo. Secondo me, senza ombra di dubbio, sono di un livello superiore“. Ottima la prestazione di alcuni interpreti, anche se in generale tutta la squadra ha fatto bene: “Casella ha fatto una partita straordinaria, ma non avevo dubbi. La stessa cosa Brunetti e tutta la difesa, da Marchetti ad Adamo quando è entrato. Il centrocampo non ha sbagliato una cosa. Carbonaro in attacco ha lavorato da solo e ha fatto tutti lui“. Felicità per il gol di Pini, primo under giallorosso a segno in stagione: “Gabriele ha questi colpi, deve crescere perché essendo un 2001 è abituato ai campionati giovanili e giustamente l’impatto è diverso contro le prime squadre della Serie D, però è entrato prontissimo come Dambros, Adamo. Gruppo straordinario“. Infine, segnali positivi anche dal portiere Aiello, ma Gabriele pensa che ciò sia sempre frutto del lavoro complessivo di tutto il gruppo: “Lavoro di squadra con il centrocampo che protegge la difesa e questa che protegge il portiere. L’attacco fa il suo e penso sia la normalità”.