COVID – Prosegue il silenzio dell’Asp sul numero dei ricoveri

Un silenzio duraturo che inizia ad essere assordante e pericoloso quello sul reporter dei posti letto occupati dai pazienti COVID sia in terapia ordinaria che intensiva. Un silenzio che non piace soprattutto perchè alimenta inutili dubbi e non fa altro che allontanare la credibilità delle istituzioni sulla gente, in un momento in cui la popolazione ha paura per il dilagare della variante Omicron che sta mettendo al collasso l’intero sistema sanitario nazionale. Il commissario all’emergenza Covid, Alberto Firenze, non perde il suo ottimismo e la vena degli annunci e che oggi, dopo quello di ieri sulla nuova piattaforma integrata per monitorare i pazienti positivi al Covid, oggi è uscito con una nota in cui affermava che “Il 90% dei ricoverati in terapia intensiva non sono vaccinati“. Una nota stampa che fa riflettere e che fa eco a quelle che sono le dichiarazioni nazionali del medesimo tenore, ma che purtroppo non può essere avvalorata dai dati o meglio, non può essere supportata dalla stampa che giornalmente fino a giorno 4 gennaio ha informato i cittadini con quello che era il report dei posti letto occupati. Già, quel 4 gennaio che ormai è distante ben 5 giorni, fatti di silenzio, di dichiarazioni stampa e di sempre più distanza con quello che è termometro della gente che ha innalzato la temperatura della paura a livelio che, in queste latitudini, non si erano mai visti.