Milazzo. L’ex Lentini rovina la festa rossoblù


Al “Marco Salmeri” si torna a respirare il clima della grande occasioni, centinaia i tifosi che hanno risposto presenti al richiamo della “Giornata Rossoblu” indetta dalla società mamertina.
La Piana dopo 35 minuti sembra spalancare le porte del paradiso ai rossoblu, ma alla prima vera occasione dalle parti di Lo Monaco, Lentini detta la spietata legge dell’ex, riequilibrando il risultato, e ammutolendo, solo per pochi minuti, lo storico impianto di Via Grotta Polifemo.

CRONACA

Assente per motivi di salute il tecnico mamertino Ferrara, che potrebbe aver concluso anzitempo la propria avventura sulla panchina mamertina.
A confermare in ogni caso la bontà del lavoro svolto dal tecnico barcellonese la gran prova offerta dai suoi ragazzi, che non snaturano il loro gioco imponendo il proprio calcio ai rossazzuri di Andrea Pensabene.
4-3-3 per i locali orfani di Caldore, appiedato per un turno dal giudice sportivo, confermatissimo Lo Monaco tra i pali, davanti a lui l’ormai affiatata coppia composta da Marino e Russo con Franchina e Longo che agiscono sui binari laterali, trittico in mediana con Alosi nella consueta posizione da play coadiuvato da Abbate e Presti, tridente offensivo composto da La Piana e Pino a sostegno di Petrullo.
Svariate centinaia di tifosi, 300 circa tra i locali ed una cinquantina provenienti da Paternò, accompagnano l’ingresso in campo delle due formazioni.

Milazzo che opera la prima vera occasione da goal già dopo 7 minuti, quando La Piana prova a correggere in rete il cross radente dalla destra di Franchina, copione simile al 20′ con Franchina che pesca sul versante opposto La Piana, che fronteggiato da due avversari, cerca assistenza nel conterraneo Abbate il cui destro a giro termina alto di poco.
Non cambia l’inerzia della gara, con il Milazzo che fa la partita spinto dai propri tifosi andando vicino al vantaggio in due occasioni tra il 22′ ed il 23′ quando La Piana dimostra di essere particolarmente ispirato, creando puntualmente la superiorità numerica sul binario mancino, ma mancando in entrambi i casi l’acuto finale.
La compagine rossazzura prova a creare qualcosa, ma quelle poche volte che mette il naso fuori concede il fianco alle ripartenze mamertine come al 33′ quando Pino con un semplice triangolo si invola verso la porta di Mannino, palla messa dentro all’indirizzo di Petrullo, con Daniello che nel tentativo di allontanare la minaccia rischia l’autogoal.
Il muro paternese scricchiola, il goal è nell’aria e si materializza al 35′ con la Piana che trova il corridoio giusto per Abbate, Mannino ci mette una pezza in una prima occasione, ma non potrà nulla sul destro poderoso seguente di La Piana, che manda in visibilio il “Salmeri”
L’euforia del vantaggio,potrebbe però costare cara ai locali, che abbassano la guardia due minuti più tardi, con Russo che perde il corpo a corpo con Taormina, il numero 11 paternese si presenta a tu per tu con Lo Monaco, eccedendo però in un leziosismo parso eccessivo data l’alta posta in palio.

Nella ripresa è sempre il Milazzo a fare la partita sfiorando il goal del raddoppio appena scoccata l’ora di gioco con Abbate che prende il tempo al diretto marcatore sul preciso corner dalla destra di Alosi, mancando per una spanna il bersaglio grosso.
I ritmi forsennati del primo tempo ed il gran caldo impongono alle due squadre di tirare il fiato nella seconda frazione, a inificiarne è lo spettacolo.
Provano allora a cercare forze fresche dalla panchina i locali con Ardiri che rileva Abbate, in preda ai crampi, al 69′ ed un onnipresente Presti che fa spazio a Cambria al 75′.
Sliding door della gara all’84’ con La Piana che dopo essersi esibito in una giocata da circo, viene atterrato al limite d’area di rigore, il fischietto palermitano Giordano lascia giocare e sul ribaltamento di fronte il Paternò colpisce con Guarnera che pesca Lentini, in dubbia posizione di offside, a pochi passi da Lo Monaco, l’ex di giornata non fallisce e fa 1 a 1 per i paternesi.
Mamertini che trovano comunque le energie mentali per ribattere producendo un’occasionissima all’87’ quando Pino imbeccato dal lancio millimetrico di Alosi viene fermato sul più bello da un provvidenziale intervento di Romero.
Il Milazzo prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo, cercando alla disperata di regalare la gioia della vittoria ai propri tifosi, ma sulla girata da pochi passi di Petrullo dovrà fare i conti ancora una volta con Mannino, ben posizionato sul primo palo.
Termina così al “Marco Salmeri” , Milazzo e Paternò si dividono la posta, tra gli applausi generali, rimandando il verdetto finale agli ultii 180 minuti di questa regular season.

TABELLINO : Milazzo – Paternò : 1-1
Marcatori: 35′ La Piana M, 84′ Lentini P.

Milazzo: Lo Monaco, Russo, Marino, Alosi, Franchina, Abbate (69′ Ardiri), Longo, Presti (75′ Cambria) , Pino, La Piana (92′ Portovenero), Petrullo .
A disposizione: Di Dio, Mandanici, Caruccio, Salvadore.
Allenatore: Salvatore Velardo.

Paternò Calcio : Mannino, Daniello (68′ Ibra Bamba), Godino, Zumbo, Raimondi, Romero, Guarnera, Truglio (77′ Nunez) , Lentini, Messina, Taormina (89′ Librizzi) .
A disposizione: Lo Verde, Russo Gaetano, Russo Gianluca.
Allenatore : Andrea Pensabene

Arbitro: Michele Giordano di Palermo
Assistenti: Manfredi Canale e Pietro Fardella di Palermo

Ammoniti: Marino, Abbate, Franchina, Alosi M, Guarnera P
Espulsi: nessuno.

Recupero: 1′ pt, 7′ st.

Ufficio Stampa SSD1937 Milazzo