Debutto amaro per il Città di Messina al “Despar”. La Nocerina vince con gol di Festa


CITTA’ DI MESSINA-NOCERINA 0-1
Marcatori: 30′ Festa

Città di Messina: Paterniti, Crucitti, Fragapane, Nicosia (8′ st Ferraù), Bombara, Grasso, Princi (27′ st Codagnone), Quintoni (18′ st Bonamonte), Galesio, Calcagno, Santoro (27′ st Di Vincenzo). A disp.: Berikashvili, Bellopede, Dama, Fofana, Silvestri. All.: Furnari
Nocerina: Feola, Vuolo, Salto, Pecora, Caso, Festa, Odierna, Ruggiero, Simonetti (32′ st Orlando), Amendola (10′ st Iodice), Vatiero. A disp.: Novelli, Ansalone, Califano, Capaccio, Cardone, De Feo, Montuori. All.: Viscido
Arbitro: Campobasso di Formia
Assistenti: Pressato e Cerilli di Latina
Ammoniti: Calcagno (CdM), Grasso (CdM), Amendola (N), Festa (N), Pecora (N)
Espulsi: 4′ st Vatiero (N – rosso diretto), 6′ st Calcagno (CdM – doppia ammonizione)
Recupero: 2′ e 5′

 

Il Città di Messina parte forte sfiorando subito il vantaggio con Santoro che, servito da Galesio, spara addosso al portiere Feola. Al 14’ vero e proprio miracolo del numero uno della Nocerina: prima respinge il colpo di testa di Galesio poi, sulla linea, allontana la sfera su ribattuta dello stesso argentino. Dieci minuti dopo ancora locali pericolosi con Quintoni che costringe Feola a rifugiarsi in corner. Sull’azione successiva il tiro al volo dello stesso centrocampista si stampa sulla traversa. La Nocerina passa al primo vero affondo della gara con Festa che, da posizione defilata, trova la rete con un bolide sotto la traversa. Il Città  vicina al pareggio un minuto dopo con Princi il cui destro, però, si spegne sul fondo. Feola ancora protagonista al 38’ quando para il rigore a Bombara dopo che il direttore di gara aveva concesso il penalty per un fallo di Salto su Nicosia.

Tre minuti dopo punizione di Calcagno, sponda di Galesio per Fragapane che a portiere battuto si fa anticipare da Salto. Il primo tempo termina dopo due minuti di recupero. Nocerina chiude in vantaggio con l’unico tiro in porta effettuato.

Secondo tempo che si apre con la Nocerina in dieci uomini. Vatiero interviene in scivolata su Nicosia e per il direttore di gara Campobasso di Formia non vi sono dubbi, rosso diretto. Due minuti dopo anche i padroni di casa restano in dieci per  l’espulsione di Calcagno, già ammonito nel corso della prima frazione. Il Città nonostante tutto spinge e sul traversone di Quintoni Galesio colpisce l’incrocio dei pali e palla che termina sul fondo. Al 16’ ancora un Feola determinante  blocca a terra il tiro di Santoro. Al 30’ è Bonamonte che prova a mettere paura agli ospiti ma  il tiro da fuori si spegne sul fondo. Sette minuti dopo Nocerina pericolosa con Ruggiero il cui destro è bloccato da Paterniti sugli sviluppi di una punizione. Al 49’ in pieno recupero Feola, ancora una volta, nega il gol ai padroni di casa bloccando il colpo di testa di Fragapane lanciato da Ferraù.

Dopo cinque minuti di recupero è la Nocerina a far festa al Despar Stadium. Per il Città di Messina, che oggi meritava molto di più, si tratta della quarta sconfitta consecutiva.