Caronte & Tourist. “Onde sonore”, spettacolo e solidarietà sul mare


Presentato oggi alle ore 11.00, con una conferenza stampa presso l’Auditorium del Gruppo Franza, zona Zir, il nuovo calendario di eventi relativi all’iniziativa “Onde Sonore fuoritempo. Un mare di happy hour: musica, solidarietà e bollicine”

Oltre alla proprietà e al management del Gruppo Caronte&Tourist, composto dall’armatore Pietro Franza,  Tiziano Minuti e da Piera Calderone, all’incontro era presente anche il direttore artistico della manifestazione, il noto bluesman Max Garrubba. Da registrare anche la presenza di esponenti di due importanti associazioni benefiche, ovvero la fondatrice dell’Associazione Bucaneve, la professoressa Fortino, ed il presidente Abate, dell’Associazione ABC Amici dei bambini in corsia.

Queste le parole di apertura del Responsabile del personale e della comunicazione Tiziano Minutoli: “Se manca il pubblico ci deve essere il privato. Questa la nostra idea, che ci ha permesso in questi anni di raccogliere ben 30.000 euro. Ad ogni evento infatti, l’incasso si è aggirato intorno ai 5.000 euro, soldi distribuiti successivamente alle varie associazioni”. Aggiungendo:” Grazie all’ultimo evento, consegneremo oggi all’associazione Bucaneve, ben 10.000 euro. Sappiamo che sono una goccia nell’oceano, ma per noi è già qualcosa”.

Minuti ha concluso il suo  intervento, con un pensiero rivolto al pubblico, ai tanti passeggeri che utilizzano il servizio marittimo offerto da C&T: ”  Con la nostra iniziativa, oltre a fare del bene, riusciamo anche a intrattenere e divertire il pubblico che ospitiamo sulle nostre navi, ed il grande successo riscontrato, ci spinge a fare meglio e portare il progetto ad avere una cadenza mensile”.

Sulla stessa lunghezza d’onda, le parole espresse dal direttore artistico, Max Garrubba.
“Condivido ciò che ha espresso l’amico Minuti ed aggiungo, che “Onde sonore” è diventata una grande manifestazione musicale, probabilmente la più importante della Sicilia”.

Garrubba ha quindi illustrati il programma e le scelte artistiche fatte: “Il progetto si svolgerà il 28 aprile e il 26 maggio, sulla nave di ultima generazione, Elio. Per poi riprendere da settembre, viste le alte temperature presenti sulle navi nel periodo estivo. Gli artisti da me scelti saranno di qualità, condizione per me essenziale. Nel mese di aprile, nel pomeriggio, si esibirà la band messinese di Jazz, Le Roi Maniche, con un genere particolare sviluppatosi presso le comunità gitane. La band sarà accompagnata da una cantante francese, Paminá Chauveau, una delle massime esperte in questo genere di musica. Mentre a maggio ci saranno i Francois e le coccinelle, band  rock italiana. Il tutto accompagnato da ottimi aperitivi”.

Infine lo stesso direttore artistico, ha concesso alcune anticipazioni dell programma che riprenderà poi da settembre.

“Tra settembre e dicembre porterò Flamenco e danza bollywood, con grandi realtà presenti in zone della Sicilia, come Milazzo, dove vi sono alcuni gruppi che si occupano di danza orientale. Ci sarà inoltre qualche artista internazionale, che spero di poter presto annunciare”.

In chiusura è poi intervenuto, utilizzando belle parole sul lavoro svolto in questi anni, l’armatore Pietro Franza:” Era una manifestazione alla quale all’inizio non credevamo molto, sulla quale si pensava ci potessero essere molti ostacoli, in particolare logistici, sulle navi, oltre che come costi. In realtà grazie a Tiziano Minuti, è stata fatta una bella manifestazione che ha creato solidarietà, sorprendendoci positivamente. Dal nulla è stato creato qualcosa di spontaneo, bello. Che rende il viaggio sulle nostre navi più allettante e piacevole”.

 

Il presidente Abate, dell’associazione Abc.

 

Come chiosa alla conferenza, sono poi intervenuti i due rappresentanti delle associazioni presenti alla conferenza. Queste le parole della professoressa Fortino:” Il Bucaneve passa per iniziativa della mia famiglia, a causa di un’esperienza vissuta. Nasce nel 2008, scegliendo il bucaneve come simbolo, perché il fiore nasce dalle difficoltà sotto la neve. Si avvale del lavoro di 15 volontarie che lavorano quotidianamente all’interno del reparto. Nel 2014 siamo riusciti ad inaugurare la casa di accoglienza per ospitare i genitori dei bimbi malati. Non è facile fare quello che faccio, però da senso alle mie giornate, mi sento utile nel dare conforto a chi ne ha bisogno”.

A seguire poi, l’intervento del presidente di ABC, Abate:” L’associazione nasce il 10 gennaio 2010, opera nella realtà locale del policlinico e con i suoi volontari svolge un’attività di intrattenimento con i bimbi, sostegno e ascolto con i genitori. Cerchiamo di umanizzare il soggiorno dei bambini e dei genitori, rendendo più familiare l’ambiente ospedaliero. Con la nostra opera abbiamo fatto alcune cose, come fornire il reparto pediatrico delle poltrone letto per le mamme, per permettergli di assistere i figli. Tanto altro si deve fare, noi vorremmo non fare, ma ci sono mancanze che cerchiamo di colmare”.