Cambio in casa Milazzo, via Ferrara arriva Romeo. L’ex tecnico “Calpestata la mia dignità”


Qualche sentore si era percepito qualche giorno fa, ora però diventa certezza, Pasquale Ferrara non è più l’allenatore della Ssd Milazzo. La società mamertina ha comunicato l’esonero del tecnico barcellonese che ha guidato i rossoblù nelle 22 gare fin qui disputate nel girone B di Eccellenza, lasciando la squadra al quinto posto con 41 punti.

“Al sig. Ferrara vanno i più sentiti ringraziamenti per l’attività sin qui svolta, per l’impegno e la serietà professionale”, si legge ne comunicato del club mamertino, che ha già scelto il nuovo tecnico. Si tratta di Francesco Romeo, vecchia gloria rossoblu che oggi pomeriggio condurrà il primo allenamento: il nuovo mister, nel recente passato, ha guidato il Camaro e proprio il Pistunina del presidente Velardo e del ds Mortelliti.
Toccherà dunque ora a mister Romeo, che esordirà nel match esterno contro il Città di Scordia, chiudendo la regular season in casa contro il Santa Croce. Due gare di vitale importanza per confermarsi in zona play-off, cullando quello splendido sogno chiamato promozione.

Immediata la replica dell’ormai ex tecnico dei mamertini Ferrara:

“Sono sinceramente e profondamente dispiaciuto del fatto che la mia avventura a Milazzo sia terminata a due giornate dalla fine. Lascia la squadra al quinto posto in classifica che al momento garantisce i play off contro il Palazzolo.

Poi, purtroppo, la settimana scorsa c’è stato un momento in cui è stata calpestata la mia dignità di uomo prima e di allenatore dopo. In quel preciso istante non ho più retto mentalmente e fisicamente e a tal proposito i legali sono già al lavoro per tutelare i miei sacrosanti diritti. Non era mia intenzione abbandonare nessuno, per capire bisogna conoscere, e prima di giudicare è bene interpretare bene la situazione.

Custodirò gelosamente nel mio bagliaglio di ricordi le numerose gare che mi hanno emozionato, non solo per la conquista dei tre punti, ma anche e soprattutto per avermi fatto assaporare la sensazione di essere un tutt’uno con i nostri splendidi tifosi che ringrazio infinitamente insieme agli atleti e ai miei collaboratori per avermi supportato e sopportato in questi lunghi mesi”.