KARATE – L’ Honbu Dojo Kenpokai di Ganzirri in formato nazionale

Si è svolto a Fasano, nel fine settimana appena trascorso, il 14^ Trofeo Nazionale a Squadre A.S.I. organizzato dalla GIAKAM del Maestro Aldo Garofalo. Una kermesse che ha richiamato, da ogni parte d’Italia, circa 250 atleti, in rappresentanza di una trentina di Associazioni Sportive.

La Squadra Messinese è stata rappresentata dalle 4 atlete dell’Honbu Dojo dell’Accademia Italiana Kenpokai Do di Ganzirri, Saccone Giuliana, 12 anni, Saccone Giorgia, 15 anni, Budese Anna, 14 anni, Messina Chiara, 16 anni.

Atlete che, nelle loro categorie, hanno ottenuto il 1° posto nel Kata individuale e nel kata a squadre Under 16 e Under 18, con Messina Chiara, Saccone Giorgia e Budese Anna, che per formare squadra con la compagna Chiara, hanno partecipato anche alla categoria per loro superiore d’età, così come era previsto dal regolamento. Le stesse 4 ragazze, hanno anche conquistato 3 bellissimi ori ed un bronzo, anche nel Kumite individuale poiché il Kumite a squadre non è stato disputato.

Soddisfattissimo il Resp. Tecnico per l’Italia del Karate Stile Kenpokai e D.T. dell’Honbu Dojo dell’Accademia Italiana Kenpokai Karate Do di Ganzirri, Shihan Ignazio Bonadonna, conosciuto forse meglio come Ibo, cintura nera 8′ Dan e rappresentante in Italia della WKKO-International (World Kenpokaikan Karate Organization) che afferma: “ Si sono già visti così i risultati di un lavoro a squadra del kata, cominciato meno di due anni fa, ma che già raccoglie i primi importanti frutti, grazie alle nostre meravigliose ragazze che ci inorgogliscono portando in alto in Karate Messinese e che sicuramente ci regaleranno in futuro, ancora grandi soddisfazioni.

Il trionfante appuntamento in terra salentina, verrà ripetuto, speriamo con analoghi risultati da parte dei karateka Peloritani, a dicembre 2023. Nel frattempo, non soltanto le nostre 4 campionesse, ma anche tanti altri Kenpoka di valore, saranno impegnati in parecchi appuntamenti agonistici prestigiosi, speriamo con risultati analoghi a quelli conseguiti oggi”.