Il Real Madrid è campione del mondo per club per la quarta volta e per la terza volta di fila


Il Real Madrid vince il terzo Mondiale per Club in fila con il 4-1 sull’Al Ain: in goal Modric, Llorente e Ramos, più Nader con un’autorete.

La squadra di Santiago Solari batte 4-1 l’ Al Ain nella finale ad Abu Dhabi aggiudicandosi per la terza volta consecutiva il torneo. Le firme sulla vittoria sono di Modric, Marcos Llorente, Sergio Ramos e l’autogoal di Nader. Per i padroni di casa goal di Shiotani.

Per la finalissima Solari non cambia rispetto alla partita vinta contro il Kashima Antlers: confermati sia Marcos Llorente a centrocampo che Lucas Vazquez in attacco, con Bale e Benzema ormai intoccabili. Proprio i due nomi a sorpresa (solo relativa) in campo dal 1′ combinano per creare la prima occasione che apre il match, con l’attaccante classe 1991 che colpisce il palo.

¡

La risposta dell’Al Ain arriva presto: prima di sparire dal campo e rintanarsi in difesa, gli uomini di Mamic mettono due volte paura al Real. Varane e Ramos sono provvidenziali per salvare e tenere lo 0-0. A sbloccare ci pensa poi il Pallone d’Oro e uomo più atteso, Luka Modric : sinistro dal limtie dell’area che si infila all’angolino opposto dopo un ottimo lavoro di Benzema.

Il goal mette in discesa la partita del Madrid, che continua a essere un po’ superficiale ma crea diverse occasioni. Eisa è impegnatissimo ed è decisivo su Bale e su Modric dalla distanza. Poco prima ci aveva provato anche Benzema, abbandonato dentro l’area però non aveva trovato lo specchio.

Anche il secondo tempo inizia con la stessa trama: Real ad attaccare e Al Ain a cercare di sfruttare le poche occasioni. I Merengues peccano ancora di precisione: Bale ci riprova in rovesciata ma calcia alto, Benzema invece dal dischetto non trova la porta. Chirurgico invece Marcos Llorente all’ora di gioco: destro rasoterra di controbalzo dai 20 metri non lascia scampo a Eisa, che aveva appena compiuto un miracolo su Benzema.

La superiorità non si manifesta nel punteggio, ma in campo è netta: il Real continua a cercare un goal che non arriva, soprattutto Bale, reduce dalla tripletta in semifinale. Nonostante il goal del gallese non arrivi, il trionfo Real lo completa il fischiatissimo Sergio Ramos : incornata su calcio d’angolo a 10 minuti dalla fine ed esultanza polemica verso il pubblico. Nel finale spazio anche per il goal della bandiera di Shiotani, ma Nader con un’autorete ripristina le distanze. Il trionfo è ancora del Real, il terzo consecutivo.