Messina-Vibonese, un pari alla camomilla

Messina-Vibonese: 0-0 

IL TABELLINO

MESSINA (3-5-2): Lewandowski; Morelli, Mikulic, Carillo; Sarzi Puttini (76′ Goncalves), Fazzi, Fofana (46′ Russo) (84′ Catania), Damian, Simonetti (60′ Konate); Vukusic, Adorante (60′ Balde) A disp.: Fusco, Rondinella, Fantoni, Celic, Marginean, Distefano, Busatto. All. Capuano.

VIBONESE (3-4-2-1): Mengoni, Mahrous, Risaliti, Gelonese, Basso, Tumbarello (75′ Cattaneo), Mauceri (82′ Ngom), Vergara, Fomov, Sorrentino (73′ Persano), Golfo ( 82′ Ciotti) A disp.: Marson, Alvaro, Polidori, Grillo, La Ragione, Bellini, Cigagna, Leone All. D’Agostino.

ARBITRO: Di Graci di Como (Melchiorre-Camilli).

MARCATORI:

NOTE: ammonizioni: Fazzi, Ciotti

Un prima frazione di gara con poche emozioni, con due squadre che si sono equivalse.
Il Messina scegli di schierare in avanti Vukusic e Adorante, mentre la Vibonese, reduce dalla prima vittoria in campionato, cerca di approfittare delle sviste avversarie.
La cronaca. All’11’ ci prova Fomov, la conclusione viene respinta. Risponde Vukusic al 15′, grande intervento del portiete avversario. Nei minuti successivi ci provano Carillo per i locali e Tumbarello per gli ospiti, tiri fuori dallo specchio. Al 33′ è bravo Mikulic a respingere alla disperata un tiro di Vergara.
Dalla panchina si sbraccia mister Capuano, ma la prima frazione di gara si chiude con un nulla di fatto.

Ripresa che inizia con le due compagini che continuano a studiarsi. Russo rileva Fofana tra i padroni di casa. Al 60′ doppio cambio per il Messina. Esce Adorante, entra Balde. Il mediano Konate prende il posto di Simonetti.
Al “Franco Scoglio” latita lo spettacolo. La Vibonese, in casacca bianca, sale di tono. Al 68′ Marus servito egregiamente dall’ottimo Mauceri, sparacchia a lato della porta di Lewandowski.
Al 72′ prima sostituzione per i calabresi : Persano rileva Sorrentino. Gaetano D’Agostino, ex regista del Messina dei tempi d’oro, continua con le sostituzioni: è il turno di Tumbarello per Cattaneo. Risponde l’Acr con Goncalves in cambio di Sarzi Puttini.
Il gioco si svolge prevalentemente a centrocampo. Al 78′ ci prova con un tiro dai 25 metri, il migliore dei biancoscudati, Mikulic, sfera che termina alle stelle.
Continua la girandola delle sostituzioni. Dopo trentotto minuti dal suo ingresso in campo, anche Russo deve lasciare il terreno di gioco, non avendo convinto Capuano. Dentro Catania. All’87’ Vukusic approfitta di un paio di rimpalli e conclude fulmineamente verso la porta avversaria. Pallone che termina a lato.
Continuano a sostenere la squadra i tifosi biancoscudati.
Si arriva senza tanti sussulti nei minuti di recupero, il risultato non cambia e i peloritani vengono fischiati a fine gara.