Serie D. Il Palermo cambia denominazione e diventa SSD Palermo


Il Palermo ha ufficializzato l’iscrizione in serie D così come annunciato dalla stessa dirigenza che nella giornata odierna è volata a Roma per depositare la documentazione necessaria. La società rosanero cambia anche denominazione e da oggi si chiamerà SSD Palermo ma, nonostante la formazione sia ufficialmente iscritta al prossimo campionato dilettantistico, sono tanti i nodi da sciogliere.

Come riporta stamani “La Gazzetta dello Sport”, per l’allenatore, in casa rosanero si stanno valutando due profili: Oltre i nomi già noti di Bucaro e Lucarelli, la nuova società rosanero starebbe valutando le idee Giovanni Tedesco e Andrea Sottil. Per il primo, attualmente nel campionato maltese, si tratterebbe di un ritorno. Il secondo ha allenato il Catania nell’ultima stagione.

Vi è poi la figura del Dg. Sempre secondo quanto riportato dal quotidiano sportivo nazionale, questa figura potrebbe essere ricoperta da Sagramola mentre Di Piazza potrebbe ricoprire il ruolo di vice presidente o, comunque, diventare socio del cda. Inoltre, un Barbera potrebbe tornare nel club. Si tratta di Lorenzo, nipote del Presidentissimo Renzo. È esperto in marketing e quello è il settore in cui potrebbe trovare spazio